Alessandro Casalini - Sito Ufficiale - Benvenuti

Scrittura - Lettura

By Alessandro / Leggo, pillole-leggo

2018

ottobre

10

Haruki Murakami – La Ragazza dello Sputnik

Haruki Murakami – La Ragazza dello Sputnik

Lo giudico un po’ insipido. Partendo dal fatto che di fronte a un libro di Murakami ho aspettative sempre molto alte, devo dire che questo “La Ragazza dello Sputink” non mi ha fatto impazzire. E’ indubbiamente un romanzo che va letto al di là di ciò che vi si trova scritto. Ci sono storie nascoste tra queste pagine, ma che non è facile identificarle. Di per sé la storia non è nulla di particolare. Fino a pagina 80 (che rappresenta il 40% dell’intero romanzo) Murakami ci introduce i personaggi: l’io narrante senza nome, Sumire e Myu, senza però farli interagire tra loro se non i rarissimi casi. Poi, improvvisamente, le loro vite si intrecciano grazie a un evento tragico: la scomparsa di Sumire in un piccola isola greca dove, insieme a Myu, si è recata per lavoro, dopo che la donna della quale è innamorata, l’ha assunta nella sua azienda. Il narratore senza nome è innamorato di Sumire, la quale è innamorata di Myu, una donna sui quaranta che, a seguito di un fatto tragico avvenuto nel suo passato e del quale Murakami non svela nulla se non nelle ultime pagine, non è più in grado né di amare, né tantomeno di provare attrazione fisica per qualcuno. Un triangolo di insoddisfazione dal quale sarà difficile uscire. Se non fosse che la scomparsa di Sumire, porta il nostro narratore in quella piccola isola greca insiema a Myu, e una volta giunto, in realtà, non accade nulla di quello che ci si potrebbe attendere. In tipico stile Muarakami, a un certo punto, si sconfina nel surreale ma, a mio avviso, è troppo tardi. Non accade un granché. E il romanzo finisce un maniera un po’ piatta. Insomma, c’è Murakami, ma non quel Murakami capace di creare mondi affascinanti come quelli di 1Q84, Dance Dance Dance, Nel Segno della Pecora, ecc …

6.5/10

Quarta di Copertina:

La storia ce la racconta un giovane senza nome, prima studente, poi maestro elementare. È innamorato di una sua coetanea, Sumire, una ragazza con il mito di Kerouac e della generazione beat. Sumire però non lo ricambia: lo accetta come amico e confidente, ma niente sesso. Lei è invece innamorata di un’altra donna: Myu, una bellissima imprenditrice quarantenne di origine coreana. Solo che anche Myu, pur attratta da Sumire, non vuole concretizzare in amore il loro sentimento. Non vuole o non può: c’è qualcosa di misterioso nel suo passato che le impedisce di amare, che la separa dal mondo. E così i destini dei tre protagonisti si inseguono senza mai congiungersi, vagano nello spazio e nel tempo come un satellite alla deriva.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Alessandro Casalini - Sito Ufficiale - Benvenuti
  • Alessandro Casalini - Sito Ufficiale - Benvenuti
  • Alessandro Casalini - Sito Ufficiale - Benvenuti
  • Alessandro Casalini - Sito Ufficiale - Benvenuti
  • Alessandro Casalini - Sito Ufficiale - Benvenuti

Alessandro Casalini - Privacy Policy - Gestione Consenso Cookie
Copyright © 2018